. La Commissione europea propone un’uscita coordinata e graduale dalle misure restrittive dei diversi Stati membri

Alla luce del rallentamento del trend del numero di contagiati, la Commissione europea ha presentato le linee guida per allentare le misure restrittive introdotte in tutti gli Stati membri a causa della pandemia del Coronavirus.

Sebbene la decisione finale sul ritiro delle misure sia prerogativa degli Stati membri, la Commissione intende promuovere un approccio coordinato e graduale per la ripartenza dopo la paralisi da coronavirus.

La tabella di marcia intende fissare alcuni principi di fondo per guidare gli Stati membri nelle loro diverse decisioni di eliminazione delle misure. Anzitutto, viene ricordato come la tempistica sia fondamentale e come occorra tenere in considerazione determinati criteri quali criteri epidemiologici che dimostrino la diminuzione e la stabilizzazione dei contagi per un lungo periodo di tempo prolungato, la sufficiente capacità dei sistemi sanitari ed un’adeguata capacità di monitoraggio.

Il secondo principio riguarda la necessità di avere un approccio europeo, un quadro comune di coordinamento delle diverse decisioni che verranno prese dagli Stati membri, strutturato sulla base di prove scientifiche relative alla salute pubblica, del rispetto e della solidarietà.

Terzo ed ultimo principio riguarda la gradualità delle diverse revoche del confinamento e delle misure di accompagnamento che dovranno essere finalizzate a raccogliere dati armonizzati e predisporre un sistema affidabile di comunicazione e di tracciamento dei contatti, ampliare le capacità diagnostiche e armonizzare le metodologie di prova, aumentare la capacità e la resilienza dei sistemi sanitari nazionali, continuare ad aumentare le capacità in termini di dispositivi medici e di protezione individuale, sviluppare terapie e medicinali sicuri ed efficaci, tra cui l'introduzione di un vaccino contro il virus.

Maggiori informazioni sulla tabella di marcia della Commissione europea sono disponibili al LINK.