. La Commissione europea approva il regime di sostegno dell’Italia per le PMI

Dopo il via libera al primo regime di sostegno del governo italiano per supportare la produzione e la fornitura di dispositivi medici e di protezione individuale, la Commissione europea ha approvato la garanzia concessa per sostenere le piccole e medie imprese colpite dall'emergenza del coronavirus con una moratoria dei debiti contratti presso le banche.

Nell’ambito del nuovo quadro temporaneo sugli aiuti di Stato, l’Italia ha notificato alla Commissione una misura di sostegno per le PMI basata sul rinvio dei rimborsi dei prestiti sotto forma di scoperti di conto, anticipi bancari, prestiti "bullet" con rimborso integrale alla scadenza, mutui ipotecari e leasing. Questa garanzia intende alleviare temporaneamente l’onere finanziario che grava sulle PMI, immettendo liquidità a loro favore al fine di salvaguardare i posti di lavoro e proseguire le loro attività.

La garanzia resterà in vigore fino al 30 settembre 2020, prolungandosi per 18 mesi dopo la fine della moratoria.

La Commissione ha constatato il rispetto da parte dell’iniziativa italiana con le nuove condizioni adottate nell’ambito degli aiuti di Stato e come la garanzia aiuterà a gestire gli effetti economici prodotti dall'emergenza del coronavirus in Italia.

Maggiori informazioni sulla decisione della Commissione sono disponibili al LINK.