. Dalla Commissione europea, nuovo via libera al regime di sostegno dell’Italia

Dopo aver dato il proprio via libera, lo scorso aprile, al regime dell’Italia per sostenere le imprese con meno di 500 dipendenti e i lavoratori autonomi, la Commissione europea ha approvato le modifiche apportate al fine di compensare gli operatori colpiti dalla pandemia COVID-19.

In particolare, le modifiche presentate riguardano un notevole aumento del bilancio del regime, ora ammontante a 25 miliardi di euro (rispetto agli 1.7 miliardi iniziali) che dovrebbero mobilitare 150 miliardi di euro. Inoltre, la scadenza dei prestiti integralmente garantiti per un importo massimo fino a 30 000 euro è stata posticipata da sei a dieci anni.

La Commissione ha concluso che il regime, come modificato, resta necessario, adeguato e proporzionato per porre rimedio a un grave turbamento dell'economia italiana.